Perchè il gas naturale è considerato una fonte di energia più pulita?
Che cos'è il gas naturale?
Come si misura?
Che cos'è il metano?
Come si forma il gas naturale?
Dove si trova?
Come si estrae?
Come si trasporta?
Che cos'è il gas naturale liquefatto (GNL)?
Il gas naturale è inquinante?
Perchè il gas naturale è considerato una fonte di energia più pulita?
Il gas naturale, in virtù delle sue caratteristiche chimico-fisiche, è considerato tra le fonti di energia più pulite attualmente accessibili. Infatti, come dimostrato da numerose ricerche, il gas naturale produce in fase di combustione una minor quantità di inquinanti atmosferici come CO2 ed ossido di azoto,  trascurabili emessioni di ossido di zolfo, e non produce polveri sottili, contribuendo così al miglioramento della qualità dell’aria e dell’ambiente.
Che cos'è il gas naturale?
Il gas naturale è un combustibile fossile composto da una miscela di idrocarburi, in prevalenza metano (90-95%). Per questo motivo viene anche identificato con il termine di metano o gas metano.  Normalmente contiene anche idrocarburi gassosi più pesanti come etano, propano e butano, nonché, in piccole quantità, pentano. Sono sempre presenti modeste percentuali di gas diversi dagli idrocarburi come anidride carbonica (CO2), azoto, ossigeno (in tracce), gas nobili e solfuro di idrogeno. Alcuni di questi prima che il gas venga immesso al consumo devono essere rimossi attraverso trattamenti chimici. In Italia, la media del gas naturale impiegato contiene il 99.5% di metano, il 0.1% di etano e circa lo 0.4% di azoto.
Come si misura?
Il gas naturale si misura secondo il volume occupato a temperatura e pressione standard (1 atm e 15 C°). L’unità di misura utilizzata è il metro cubo, ed il volume viene normalmente indicato in migliaia, milioni o miliardi di metri cubi. Il gas naturale può essere misurato anche in termini di potere calorifico. Il potere calorifico del gas naturale viene misurato in kcal/Sm³ (kilocalorie per metrocubo standard) o in MJ/Sm³ (MegaJoule per metro cubo standard).
Che cos'è il metano?
Il metano è un idrocarburo semplice che si trova in natura sotto forma di gas. Una molecola di metano è costituita da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno ed è indicato dalla formula CH4
Come si forma il gas naturale?
Il gas naturale è un combustibile di origine fossile formatosi, generalmente insieme al petrolio, centinaia di milioni di anni fa per decomposizione chimica di sostanze organiche (es. alghe, plancton) in assenza di ossigeno. I combustibili fossili si formano quando la materia organica, mescolata a sabbia e melma argillosa, viene compressa sotto strati di sedimenti che si depositano uno sull'altro. La compressione e le temperature molto alte che si riscontrano nelle profondità della terra causano la rottura dei legami chimici nelle sostanze organiche portando alla formazione degli idrocarburi. Il gas naturale può formarsi anche per trasformazione della materia organica prodotta da microorganismi molto piccoli. Il gas che si crea con questo processo di formazione viene definito metano biogenico. I microorganismi che determinano la formazione del metano biogenico si trovano comunemente nelle zone più superficiali della crosta terrestre. Inoltre vivono negli intestini della maggior parte degli animali, compreso gli esseri umani.
Dove si trova?
Una volta formato il gas naturale tende a salire verso la superficie della terra attraverso strati di argilla friabile ed altro materiale. Una parte di questo gas raggiunge la superficie e si disperde nell'atmosfera. Un'altra parte risalendo verso la superficie incontra formazioni geologiche che intrappolano il gas sottoterra. Queste formazioni si compongono normalmente di strati di roccia porosa e sedimentaria (simile ad una spugna, che assorbe il gas), e di uno strato  superficiale più denso e impermeabile. Questa roccia impermeabile intrappola il gas naturale e se le formazioni sono abbastanza grandi, forma dei giacimenti sotterranei. Oggi circa il 57% delle riserve mondiali è contenuto in 190 giacimenti cosiddetti "supergiganti" e "giganti"; il 15% in circa 200 giacimenti grandi e medi e il 28% in oltre 24.000 piccoli giacimenti.
Come si estrae?
Per la ricerca di giacimenti di gas naturale si ricorre alla sismica. I sismografi, registrano la velocità di propagazione di onde sismiche, generate artificialmente, che vengono riflesse dai diversi strati geologici. I valori di misurazione forniscono indicazioni sulla stratigrafia e sulla struttura del sottosuolo fino a una profondità di vari chilometri. Una volta individuata la presenza di un giacimento sfruttabile, vengono costruiti gli impianti di estrazione necessari e si procede alla trivellazione di numerosi pozzi. I singoli pozzi vengono collegati a un collettore principale con una rete di condotte.
Come si trasporta?
Il sistema di trasporto del gas naturale dai pozzi di estrazione ai luoghi di utilizzo è una rete complessa di condotte, ideate per trasportare in maniera veloce ed efficiente il gas alle aree dove vi è una grande domanda. Ci sono essenzialmente tre tipi di condotte: i cosidetti sistemi di raccolta, i gasdotti di trasporto nazionali ed  internazionali, infine le reti di distribuzione locali. Il sistema di raccolta consiste in gasdotti a bassa pressione, di diametri piccoli per il trasporto del gas naturale allo stato grezzo dal pozzo di estrazione alla piattaforma di lavorazione. I gasdotti di trasporto nazionali ed internazionali trasportano il gas naturale dalle zone di estrazione alle regioni di distribuzione sul territorio nazionale o nel caso di gasdotti internazionali, nei paesi esteri dove è richiesto. Ma il trasporto via gasdotto non è l’unica forma possibile di approvvigionamento del gas naturale. Per distanze molto lunghe il gas naturale viene trasportato anche in forma liquida come GNL (gas naturale liquefatto) con navi metaniere, che fanno rotta verso un crescente numero di appositi terminali in Europa. Una volta giunto a destinazione il gas naturale liquefatto deve essere rigassificato prima di essere immesso nella rete nazionale del paese consumatore.  Questo avviene in appositi impianti di rigassificazione.
Che cos'è il gas naturale liquefatto (GNL)?
Il gas naturale liquefatto si ottiene per condensazione dal raffreddamento del gas naturale allo stato gassoso, portato ad una temperatura di -160° C.  
Il gas naturale è inquinante?
Il gas naturale non è tossico per le persone, gli animali e le piante e non è inquinante per le acque, per suolo e sottosuolo. Anche nel caso di dispersione in acqua o nel sottosuolo il gas naturale non inquina.