2001 Sonatrach, Enelpower e Wintershall firmano un protocollo d’accordo per la creazione di una società di studio di fattibilità per il metanodotto Galsi.
2002 Edison ed Eos Energia, che in seguito diventerà Gruppo Hera, aderiscono al protocollo.
29/01/2003 Si costituisce a Milano la società Galsi S.p.A. per sviluppare lo studio di fattibilità di una nuova infrastruttura di importazione di gas naturale dall’Algeria all’Italia. Nello stesso anno la Regione Sardegna, attraverso le controllate Sfirs e Progemisa, entra nella compagine societaria.
2003-2006 In questi anni si sviluppa lo studio di fattibilità tecnica, economico-finanziaria e legale del progetto che includono anche studi preliminari di impatto ambientale e indagini geomorfologiche dei fondali marini.
2006 A dicembre gli azionisti di Galsi decidono di estendere l’oggetto della società alla successiva fase di sviluppo e varano un aumento di capitale di 30 milioni di euro.
2007 Inizia la fase di ingegneria di dettaglio del progetto (FEED)(glossario) e le indagini marine dettagliate (DMS)(glossario). Il socio Progemisa esce dal consorzio cedendo la propria quota a Sfirs, che resta la sola società regionale nel progetto.
07/11/2007 Snam Rete Gas e Galsi firmano un memorandum of understanding (MOU) per la realizzazione della sezione italiana del gasdotto. In base ai termini dell’accordo Snam Rete Gas realizzerà e diverrà operatore del tratto nazionale del gasdotto.
  Accordo Galsi-Snam Rete Gas

da sinistra
CHAKIB KHELIL, MOHAMED YOUSFI, CARLO MALACARNE, ROBERTO POTÌ, PIER LUIGI BERSANI

14/11/2007 I primi ministri di Italia e Algeria firmano ad Alghero un accordo bilaterale tra governi che sancisce e definisce i rispettivi impegni per la realizzazione del gasdotto Galsi.
19/02/2008 Wintershall esce dal consorzio cedendo la propria partecipazione societaria agli altri azionisti.
31/07/2008 Galsi presenta l'istanza di autorizzazione alla costruzione e all'esercizio del gasdotto presso i Ministeri competenti dando avvio alla procedura autorizzativa.
30/09/2008 Galsi e Snam Rete Gas siglano l'accordo definitivo che sostituisce il precedente MOU e definisce le condizioni per la realizzazione della sezione italiana del gasdotto.
2009 Galsi termina l'ingegneria di base del progetto (FEED) e realizza indagini e studi integrativi di natura ambientale sul tracciato del gasdotto.